domenica 6 gennaio 2019

Il canto di Penelope

Il canto di PenelopeIl canto di Penelope by Margaret Atwood
My rating: 4 of 5 stars

La storia dalla parte di Ulisse la conosciamo. Penelope è la narratrice di questo romanzo che racconta i fatti dal proprio punto di vista, della difficoltà a mantenere la dignità del potere a Itaca con tutti contro, compreso il figlio Telemaco.
Le protagoniste, a mio avviso, sono le dodici ancelle che sono invitate dalla regina ad essere compiacenti con i Proci e che spiano e riferiscono i pensieri e i comportamenti degli ospiti indesiderati. Queste saranno uccise brutalmente al ritorno di Ulisse.

Al termine della loro esistenza i protagonisti si ritrovano nell'Ade, mantengono tutti la loro personalità, Ulisse inquieto, Penelope sola e combattuta. Le ancelle consce di essere state tradite da tutti, di essere l'emblema del sacrificio in funzione del potere maschile, della furia ingiustificata, della dimenticanza dei servizi resi, dell'inizio della strumentalizzazione del corpo femminile.

Penelope non ne esce molto bene, Il capitolo 24. Entra il Coro. Una lezione di antropologia lo spiega molto bene: bugiarda e opportunista come il marito che scimmiotta senza avere voce in capitolo. Non ha potere, non l'ha mai avuto. Si è solo adattata al nuovo corso della storia.

Penelope femminista? Direi proprio di no.

View all my reviews
Posta un commento