giovedì 7 giugno 2018

Il regno della parola

Il regno della parola

My rating: 4 of 5 stars

Mi è piaciuto in questo libro come è stato strutturato il discorso sulla ricerca dell'origine del linguaggio. In pratica l'autore mette a confronto teorie parallele che si sviluppano in due periodi storici diversi: nel XIX e XX, XXI secolo.
Inizialmente il periodo degli studi compiuti da Charles Darwin e Alfred R. Wallace, successivamente tra le teorie opposte di Noam Chomsky e Daniel L. Everett.
I primi di ciascuna coppia appartengono all'intellighenzia scientifica del proprio tempo, i secondi sono profondi osservatori della natura, definiti "acchiappamosche".
Le storie si evolvono con la contrapposizione delle relative teorie circa il linguaggio umano: evolutive, genetiche, culturali (?) Ancora nessuno è riuscito a cavare il ragno dal buco.
Gli studi continuano, anche con l'apporto delle nuove tecniche di indagini, ma rimane tuttavia un campo di estrema complessità di cui si attendono nuovi sviluppi.

Lettura molto gradevole, precisa nei riferimenti, a volte divertente.

Posta un commento