domenica 15 maggio 2016

Come (non) diventare ricchi nella PA


San Giovanni del Dosso - Stradone Imperiale

   Al ritorno dai miei viaggi verso località emiliane per fare formazione ai colleghi, mi succede di ascoltare "Focus Economia" la trasmissione tenuta da Sebastiano Barisoni su Radio24. 
Una delle sue rubriche fa una classifica sulle assurdità degli sprechi, dei favoritismi, dei ladrocini delle varie amministrazioni o enti, più o meno intrallazzati con la pubblica amministrazione. 
Di solito si parla di milioni di euro che vanno a finire nelle tasche di privati che indirettamente sono prelevati dalle nostre tasche. Rivoli, torrenti, fiumi di soldi pubblici, lecitamente o illecitamente deviati verso l' élite, composta dai soliti noti che, quando ha finito di mungere un settore, viene opportunamente messa in quello successivo a prescindere dalle competenze, se non quella di comportarsi nello stesso precedente modo, coperta dalla super élite.

   Come vedi dalla foto sopra, ma ancora meglio cercando S.G.d.D. su google map, abito lontano da ogni capoluogo almeno 40 km e quando vado a fare lezione a Bologna, Modena, Reggio Emilia, nessuno mi rimborsa il viaggio, tantomeno il pasto. Allora ho fatto un po' di conti.

  Solo quest'anno mi sono spostata per fare formazione 11 volte con una media di 100 Km, che fanno 1100 Km, più 6 volte per ricevere formazione che fanno altri 600 km. Totale 1700 km che più o meno vuol dire andare a Santa Maria di Leuca e tornare indietro. Fanno circa 160 Euro di carburante, mettici anche qualche panino mangiato mentre si guida o un'insalata al McDonald's e fanno altri 130 €. Insomma, tutta questa formazione attualmente mi costa più di 300 €.
   
   Dirai: però ti pagano. Rispondo: certo, non lavoro gratis! 

   Il dubbio, gratis non gratis, però, mi viene quando, a fronte dei progetti tanto strombazzati dal nostro Ministero, devo ancora vedere 1 € dalla formazione che ho tenuto lo scorso anno scolastico. Almeno con quelli mi sarei pagata la benzina e i panini di questo.

   Morale: quando il Sig. Barisoni ti racconta tutte queste belle cose, come del tipo che ha acquistato i treni svizzeri, non omologati, senza aria condizionata da far girare sulle linee ferroviarie pugliesi, attualmente fermi e inutilizzati ma di cui la comunità paga il leasing, persona che comunque percepisce uno stipendio da dirigente e generosi benefit che lo sorpassano del 100%, ecco, a questo punto inviteresti i tuoi figli a fare l'insegnante o entrare in un consiglio di amministrazione di un ente/azienda sanguisuga?
Posta un commento