sabato 15 novembre 2014

Angelica che fugge

Angelica che fuggeAngelica che fugge by Gianni Celati
My rating: 4 of 5 stars

Questo ebook è un regalo di doppiozero ai suoi abbonati.

Solita curiosità dettata, in questo caso, dal buco pressoché totale che ho della letteratura dall'800 in giù, causa insegnante con voce flebile che, a mala pena, arrivava con echi scomposti alla quarta fila di banchi. La mia. Ma siccome la sua era una incompetenza innocua, nessuno si preoccupava di studiare.
Purtroppo ciò che si perde a quell'età è difficile da recuperare, perché si pensa che sia incomprensibile, anche se ho una specie di ricordo del Orlando Furioso di Ronconi del 1975.

Ecco, quello che Celati propone è una lettura olistica dell'opera che esalta il genio dell'Ariosto per la maestria dell'intessitura di trame e orditi, per l'arabescata destrezza delle sospensioni e riprese degli avvenimenti, per rimarcare la priorità dell'immaginazione sulla fisicità, per le psicologie estreme dei personaggi, perché non solo Orlando è furioso, ma tutto sembra essere "un po' fuori di melone".

Riporto a proposito la citazione da liberliber, prezioso portale dal quale è possibile scaricare l'opera in ebook e in audiolibro. Fatto.

Il critico inglese Carneross nota come nel titolo stesso Orlando Furioso si celi un illuminante ossimoro, che prelude all'intera struttura dell'opera. L'aggettivo “furioso” difatti si oppone decisamente a quello di “Orlando” che per antonomasia equivale a dire “savio”. Il titolo così potrebbe essere parafrasato come “il savio matto”, portando alla luce il carattere anfibio e sdoppiato dell'opera (di un'opera che vive ponendo a protagonista dell'invenzione stessa la complessità ossimorica dell'esistenza umana, fatta di rovesci e contrari, i quali si scoprono essere nient'altro che il completamento o l'altra faccia di ciò che è a loro apparentemente contrario).


View all my reviews


Posta un commento