lunedì 9 dicembre 2013

Bassotuba non c'è

Bassotuba non c'è

My rating: 4 of 5 stars

Una frazione biografica dello scrittore Learco Ferrari che vive da traduttore-magazziniere precario, in attesa che qualche editore gli pubblichi i suoi romanzi. Osservatore silente la gatta Paolo, (si chiama come l'autore), completamente deresponsabilizzata che, insieme agli angeli, specie di grilli parlanti, spingono alternandosi Learco, in un'oscillazione tra stati psicologici fatalisti e di coscienza.

Lo stile di Nori è già definito nello "scrivi come parli", alla maniera della lingua russa. Ed è questa, a mio avviso, la caratteristica migliore del romanzo.

Posta un commento