martedì 9 ottobre 2012

Nudi e crudi

Nudi e crudi

My rating: 3 of 5 stars

Scritto bene e avvincente almeno fino a metà poi le aspettative sono un po' deluse, non perché ci si aspetti chissà quale trasgressione, ma proprio a causa delle riflessioni che la Signora Ransome fa durante il periodo in cui si ritrova con la casa svaligiata, che le danno la consapevolezza di essere stata un oggetto d'arredamento, ormai unico rimasto dopo il furto.

Fossi stata Bennet sarei andata più in profondità, avrei sviscerato la condizione che si rivela chiara alla protagonista, ma dalla quale non riesce ad uscire se non inconsapevolmente e sempre in un ottica di sudditanza verso il marito.

Parte come commedia famigliare e termina con un carico di drammaticità che contrasta con le premesse. C'è qualcosa che stride.



Posta un commento