giovedì 26 maggio 2011

Piaceri Vicari

Piaceri Vicari


My rating: 5 of 5 stars


Riesce molto bene ad Appel descrivere la paura, eccome se ci riesce! Questa di Piaceri Vicari, a differenza degli altri due racconti che ho letto, è sottile, strisciante, subdola perchè plausibile, riconducibile ad uno stato di "normalità" psichica.

Normale e disperato appare anche il pentimento di Margot dopo l'avvenuta contaminazione: Credevo che qui sarebbe stato diverso. Che avrei trovato un senso alle cose. Invece adesso ho l'impressione che avrei fatto meglio a restare dov'ero. A volte non ti rendi conto del danno fatto finché non è troppo tardi.


Posta un commento