sabato 8 gennaio 2011

Iliade


My rating: 5 of 5 stars


Ho riletto il Libro XXIII perchè lo racconto ai miei studenti di prima superiore, che studiano la storia greca, per introdurre l'atletica leggera.

Achille è disperato e roso dal senso di colpa per la morte dell'amico Patroclo. Dopo le cerimonie funebri organizza, per rendergli onore, i ludi sulla spianata di Troia.
Si svolgono gare di cavalli con le bighe, di lotta, di corsa e di lanci.
L'eroe consegna i premi ai vincitori ma non solo, aggiusta la classifica o raddoppia la vincita se durante la gara nota che il concorrente abbia dimostrato particolare valore.

Come dire: una forte coscienza dell'individualità e del primato è determinata solo dal confronto con l'avversario; il merito passa anche attraverso un processo di valutazione soggettiva che considera le condizioni iniziali di ciascuno ed a ciascuno rende onore, indipendentemente dalla vittoria.
Si gioca per vincere (motivazione) ma importante è partecipare (processo).



Posta un commento