domenica 23 gennaio 2011

Elogio degli e-book


My rating: 5 of 5 stars


Questo saggio di Mauro Sandrini esordisce con un capitolo appassionato sul suo amore per i libri ma anche sulla loro inevitabile trasformazione ad entità impalpabili, così come vuole la digitalizzazione della parola scritta.

Una metamorfosi, questa, ancora lenta e piena di domande sul futuro del libro e degli attori che convergono attorno ad esso che però vede nelle forme di produzione, distribuzione e fruizione notevoli cambiamenti di paradigma.

Si analizzano le funzioni della piccola libreria di provincia, degli autori, dei nuovi editori e distributori di ebook, fino al lettore consapevole a cui viene fornito, insieme al libro digitale, un valore aggiunto che sta nella possibilità di interazione con altri lettori se non addirittura con gli editori e gli autori stessi.

Ogni protagonista può sia subire sia beneficiare di questa rivoluzione che a volte scardina vecchie abitudini e consumati privilegi e indica nuove vie professionali attente e rispettose della più ampia democratizzazione che sta avvenendo nella rete.

L'ho letto con attenzione pur essendo una semplice lettrice perchè a volte si colpevolizza troppo chi sposa la lettura in digitale, prospettando chissà quali catastrofici scenari editoriali.

Sandrini mi ha rassicurato.

A coloro che mi vedono con l'e-reader in mano e mi dicono: "io non so rinunciare al libro cartaceo perchè mi piace l'odore della carta" rispondo: "io impazzisco per l'odore del kindle e tutto quello che ci sta dietro" ;-)

Posta un commento