venerdì 14 luglio 2017

Un certo Julio. Vita di Cortázar illustrata da Rep

Un certo Julio. Vita di Cortázar illustrata da Rep

My rating: 4 of 5 stars

Parto dalla seconda parte. Ci sono una serie di disegni che raccontano sinteticamente la biografia di Cortázar. Sono disposti a random, non sequenziali. Carini ma poco esplicativi.
La prima parte, invece, è un'intervista all'autore che racconta il suo rapporto con la lettura e successivamente quello con la scrittura. E' la parte più interessante del libro.
Si legge volentieri in un paio d'ore.

View all my reviews

martedì 4 luglio 2017

Il Cerchio Celtico

Il Cerchio CelticoIl Cerchio Celtico by Björn Larsson
My rating: 3 of 5 stars

Né infamia né gloria per la lettura estiva di questo romanzone.
Passate le prime 50 pagine sono stata tentata di smettere, mi ha spronato a proseguire la curiosità sui riti celtici della setta esoterica chiamata appunto "Il cerchio celtico". Alla fine sono rimasta delusa perché è risultato tutto molto molto vago mentre, invece, l'autore si è frofuso in interminabili descrizioni di manovre veliche, per me un po' noiose.
Tre stelline che do ai libri al limite dell'abbandono.

View all my reviews

giovedì 29 giugno 2017

Il Mio Prossimo Romanzo

Il mio prossimo romanzo

My rating: 5 of 5 stars

Romanzo veramente divertente, lettura che ogni tanto scatena sonore risate come la scena dei biscotti al cioccolato o quello della vegetariana. Dialoghi tra i personaggi da manicomio.
Difficile connotarlo come genere; quello che emerge è che Venerandi riesce a intrecciare un ipertesto senza utilizzare i tipici labirinti tecnici che caratterizzano altri suoi romanzi, operazione tutt'altro che semplice e, in questo caso, perfettamente riuscita. Bravo!

View all my reviews

mercoledì 28 giugno 2017

Editori Digitali a Scuola

Editori Digitali a Scuola

My rating: 5 of 5 stars

Sono anni, ormai, che la questione dei testi digitali nella scuola fa capolino nelle discussioni istituzionali, ma soprattutto tra gli addetti ai lavori nel campo dell'education. Queste si svolgono soprattuto sui social dove ciascuno porta le proprie esperienze ed opinioni, sempre indirizzate a tentare di scardinare le prassi consuetudinarie di una didattica nella quale, anche il testo digitale, possa avere un proprio ruolo innovativo e partecipativo.
Questo libro dà voce ad un gruppo di docenti e non che, a diverso titolo, hanno a cuore il problema:
Roberto Maragliano che ne è il curatore , Mario Pireddu , Francesco Leonetti , Andrea Patassini , Antonio Tombolini , Emanuela Zibordi e Maria Rosaria Chirulli in cui si analizzano o si sintetizzano le problematiche ed esperienze che danno un quadro organico e uno stato dell'arte della realizzazione dei testi digitali (ebook) nella scuola.

Questo libro era necessario, in primo luogo per avere un riferimento su base pedagogica delle trasformazioni in atto nel campo della lettura e della scrittura di testi digitali da parte di tutti i soggetti coinvolti: docenti, studenti, editori, tecnici, ecc.; successivamente nella proposta di strumenti collaborativi per realizzare questi oggetti didattici, nelle analisi dell'editoria digitale fuori e dentro la scuola, nelle esperienze che già da tempo gli insegnanti attuano per utilizzare questa forma mediatica come strumento educativo, per raggiungere competenze molto più ampie e diversificate rispetto alla mera "competenza digitale", così come espressa dalle linee guida della UE e fatte proprie dal nostro ordinamento.

La complessità dell'argomento è così dipanata nelle sue diverse espressioni.
A mio avviso, le argomentazioni qui riportate non danno modo di trincerarsi, ancora, dietro a paure o titubanze nell'accettare la realtà digitale, ma sollecita a cercare forme alternative ai testi in adozione per una scuola più vicina alla nostra realtà.
Leggere per credere.

View all my reviews

mercoledì 14 giugno 2017

Il suo bosco

Il suo bosco (Horror Story)Il suo bosco by Catia Pieragostini
My rating: 5 of 5 stars

Catia Pieragostini sorprende sempre. Sa con estrema abilità mettere insieme l'inaccostabile: il sacro e il profano; luoghi tranquilli e pacifici con eventi ultraterreni;... Nella caratterizzazione dei suoi protagonisti, di solito adolescenti, sa mixare con maestria il loro non essere "né carne né pesce" e dalla quale può sortire, nell'ambiguità del momento, qualsiasi personalità.

Un piacere leggere questo racconto lungo in cui, alla fine, stupisce la dosata e incalzante fantasia dell'autrice che culmina nel finale a sorpresa.
Brava!

View all my reviews